venerdì 29 dicembre 2017

(29 dicembre 2017) - Il motoclub Sebino pensa al Mondiale di enduro. Edolo Brescia dal 31 agosto 2018.


  La serata di festa per chiudere la stagione 2017 non ha distolto il pensiero dei dirigenti e dei soci del motoclub Sebino che per il 2018 hanno programmi intensi e importanti: nel week end di fine agosto
prossimo – con continuazione l’1 e il 2 settembre – il sodalizio camuno sarà impegnato nella prova italiana del Mondiale di enduro che si terrà a Edolo in Valle Camonica.


Al centro il presidente Costante Bontempi
A Edolo, e negli immediati
dintorni del centro camuno, il motoclub Sebino porterà infatti l’enduro di altissimo livello con una tre giorni che comincerà venerdì 31 agosto e si concluderà il 2 settembre.
  "E’ questo per noi un appuntamento molto impegnativo – dice Costante Bontempi, presidente del Sebino – e la preparazione del prossimo appuntamento iridato ci coinvolgerà a lungo e con un impegno di risorse davvero notevole.”.



Le premiazioni del motoclub Sebino
Alla festa del motoclub Sebino c'erano oltre 160 soci ed erano presenti all’assise organizzata da Bontempi e dai suoi collaboratori anche parecchie personalità della Federazione Motociclistica Italiana che hanno voluto così onorare i risultati ottenuti dal club camuno nel 2017.

Citare tutte le ottime prestazioni ottenute dai piloti del Sebino nella stagione appena conclusa è cosa ardua anche se una menzione particolare la meritano Roberto Cesareni (primo tra i Major), Giacomo Redondi che ha chiuso al quarto posto il Mondiale di enduro e Davide Guarneri primo negli Assoluti di Italia.
  L’intera squadra del Sebino ha conquistato poi il primo posto tra i club impegnati negli Assoluti di Italia di enduro.
  Oltre al Mondiale di Edolo l’impegno del Sebino si concentrerà a fine aprile 2018 nella seconda edizione del Trofeo Nazionale Enduro Vintage (“Onore al Capitano”) che si terrà ancora una volta a Montecampione con la collaborazione del mitico dakariano Claudio Terruzzi.


Luca Scarpat























domenica 24 dicembre 2017

(24 dicembre 2017) - Alessandro Botturi alla Dakar 2018 supportato da Yamaha Italia

  Il bresciano Alessandro Botturi – di casa a Lumezzane – sarà al via della Dakar 2018, portando in gara una Yamaha WR450F Rally: Alessandro sarà supportato dalla filiale Italiana di Yamaha Motor Europe.
  Il "Bottu" si presenta al via quest'anno con il suo nuovo team composto da persone di grande esperienza e affiancato allo Yamalube Yamaha Official Rally Team con il quale il bresciano, negli ultimi tre anni, ha corso da pilota ufficiale. 

Il team ufficiale Yamaha - per questa edizione 2018 della Dakar - schiererà i francesi Adrien Van Beveren e Xavier de Soultrait, l'australiano Rodney Faggotter e la new entry argentina Franco Caimi; i-noltre, in sella alle inedite Yamaha WR450F Rally con la livrea  'Ténéré 700 World Raid', i rider in gara onoreranno l'imminente ritorno in commercio di uno dei modelli Adventure di maggior successo nella storia della casa dei tre diapason.

Botturi si presenta alla Dakar 2018 per la sesta volta consecutiva: nelle edizioni precedenti, seppur sfortunato a causa di alcuni infortuni e problemi tecnici, il pilota bresciano ha sempre dato sfoggio di tutto il suo talento caratterizzato da grande forza fisica e ottima capacità di navigazione. Nel suo palmarès rallistico spiccano i trionfi nel Rally di Sardegna 2014 e nel Merzouga Rally 2015; la lista dei successi di Botturi comprende poi (tra il 1998 e il 2011) ben nove titoli tricolori di enduro, tre podi nel Mondiale e la presenza alla Sei Giorni Internazionale di enduro per quindici anni consecutivi con i colori della compagine tricolore.

“La prossima edizione della Dakar sarà molto dura – ha detto Alessandro Botturi – anche se inizieremo con le dune del Perù che già conosco. Il mio obiettivo principale sarà quello di terminare la competizione cercando di fare meno errori possibili e puntando ad un buon piazzamento finale.”.

Luca Scarpat















venerdì 22 dicembre 2017

(23 dicembre 2017) - Brescia - Il motoclub R.S.'77 festeggia i suoi primi quarant'anni.

  Che nel 2017 si sia festeggiato il quarantennale di attività lo si evince dalla sigla del sodalizio: il motoclub R.S.’77 – il numero indica il 1977 – nei giorni scorsi ha riunito nell’assise di fine anno i soci, i piloti e gli amici che hanno fatto grande in questi otto lustri questo club di Rodengo Saiano.


A destra il presidente Renato Tonoli























"Sarà molto breve la pausa invernale – esordisce così il presidente Renato Tonoli – perché domenica 25 febbraio  il nostro club esordirà nella stagione 2018 con la prima prova degli Assoluti di Italia di enduro.". 
  Dunque dopo quarant’anni di attività (gare e scuole di motociclismo), il motoclub R.S.’77 è più vivo che mai con la forza, la volontà e la tenacia nel riunire tutti i suoi soci – 160 tesserati oggi, 32 nel 1977 – sia per una conviviale festa sia per mettere in calendario gare e giornate importanti come lo sarà quella del prossimo febbraio.

























"Tra le cose positive che anche quest’anno voglio mettere negli annali – ha continuato Tonoli – c’è la nostra scuola di enduro che si è tenuta nel campo che ormai curiamo da anni (vicino alla Statale per Iseo, ndr) e che ha richiamato più di 200 ragazzi. Non dimentico poi lo sport attivo con la gara dell’Italiano di enduro Gruppo 5 che ha richiamato al via di Rodengo Saiano quasi 300 piloti.".




  


















Risultati dunque sempre positivi con una menzione particolare per Mattia Venturini (campione italiano quad), Gianfranco Mattara vincitore del tricolore tra gli Under 21, Luciano Tetoldini campione lombardo e il giovanissimo Francesco Zampatti sul podio tra i minieduristi e infine la partecipazione dell’R.S.’77 all’ultima Sei Giorni di enduro ha celebrato Michele Canella, Maurizio Lenzi e Andrea Zorzi come compagine tra le prima cinquanta al traguardo.


Luca Scarpat





domenica 17 dicembre 2017

(16 dicembre 2017) - Brescia - Nuova Concessionaria Fantic e Mash



Brescia, sabato 16 dicembre 2017.

Il marchio francese Mash e lo storico logo della Fantic compaiono oggi sulla gamma di moto che la nuova concessionaria di Alessandro Binetti e Matteo Sainaghi ha presentato ieri nei rinnovati locali di via Martino Franchi a Brescia.












































  Per chi giovane non è più, e adolescente lo era negli anni Settanta, la Fantic Motor rappresenta il top dell’industria motociclistica italiana di quegli anni: questa fabbrica (allora in Brianza) colse notevoli successi commerciali e sportivi e proprio quel nome Caballero che quarant’anni fa era il sogno dei giovanissimi, oggi fa capolino sulle nuove Fantic, rinate grazie alla passione e all’entusiasmo di un imprenditore trevigiano che importa dalla Francia anche le moto Mash.
  125, 250, 400 e 500: le cilindrate delle Mash e delle Fantic sono queste con robusti e moderni motori monocilindrici in bella mostra. Sul mercato francese la Mash (produzione di origine orientale) ha colto nell’ultimo biennio ottimi successi commerciali: in Italia sia Fantic – modelli pure loro di produzione orientale – sia Mash puntano a cogliere i consensi di quel pubblico, giovane e meno giovane, che ama mezzi agili, leggeri, ben fatti e piacevoli.


Luca Scarpat




































































martedì 8 novembre 2016

(8 novembre 2016) Eicma 2016 - La nuova BMW R 1200 GS




La nuova BMW R 1200 GS: ulteriore aumento dell’eccellenza su tutti i terreni

Da oltre 35 anni, “BMW GS” è sinonimo di piacere universale di guida motociclistica: “GS descrive la combinazione ideale di utilizzo come moto da turismo e per i viaggi più lunghi, di guida dinamica e uscite fuoristrada. Questo vale in particolare per le motociclette BMW GS equipaggiate con motore Boxer. Anche nei casi più estremi, esse sono l’accompagnatore perfetto per scoprire gli angoli più remoti del mondo.”

Il concetto unico della R 1200 GS, dal carattere autentico e il propulsore potente ed elastico, affascina numerosi fan del motociclismo di tutto il mondo. Non è un caso che questa motocicletta domini il proprio segmento di mercato da molti anni e sia il best-seller della gamma di BMW Motorrad. Lanciando la nuova R 1200 GS, BMW Motorrad amplia il portafoglio GS non solo attraverso numerose ottimizzazioni di prodotto, ma anche allargando nuovamente le caratteristiche del veicolo. Per la prima volta una BMW GS può essere configurata tenendo conto del campo di utilizzo preferito del suo guidatore, selezionando uno dei due pacchetti di stile, Rallye o Exclusive, e dando così la preferenza a un orientamento più enduro oppure più esclusivo.

Nella sua qualità di enduro da viaggio più popolare del mondo, la R 1200 GS si presenta con ottimizzazioni in numerosi campi. La sua configurazione più versatile inaugura una gamma di dinamismo e comfort finora mai offerta, fino all’idoneità alla guida fuoristrada. Questo è il risultato di una serie d’interventi mirati di ottimizzazione, di numerose innovazioni e, ovviamente, anche di una gamma di optional e di accessori originali fortemente ampliata.






Propulsore Boxer con catalizzatore nuovo e dati aggiornati secondo le disposizioni della norma Euro 4

La nuova R 1200 GS è sempre equipaggiata con il Boxer a raffreddamento aria/liquido dalla potenza di 92 kW (125 CV) a 7 750 g/min e la coppia massima di 125 Nm a 6 500 g/min, ma in conseguenza alle nuove norme Euro 4 è stata dotata di un catalizzatore modificato e di dati aggiornati di gestione motore. Nel model year 2017 era stato già montato un dispositivo antistrappo sull’albero di uscita del cambio ed erano stati rivisitati il comando dei cilindri di attuazione e gli alberi del cambio.







Optional: Modalità di guida Pro con Dynamic Traction Control DTC e nuovo Hill Start Control

Per consentire un adattamento personalizzato alle preferenze del guidatore, in combinazione con il Controllo automatico della stabilità ASC (Automatic Stability Control), per ottimizzare la trazione la nuova R 1200 GS offre di serie le due modalità di guida “Rain” e “Road”. La nuova R 1200 GS può essere ordinata adesso con l’optional ex fabbrica “Modalità di guida Pro” che comprende le modalità di guida supplementari “Dynamic” e “Dynamic Pro”, “Enduro” ed “Enduro Pro” nonché il Controllo dinamico della trazione DTC (Dynamic Traction Control) che permette di accelerare in modo più efficiente e sicuro, soprattutto in posizione inclinata.

Inoltre, le due modalità di guida “Dynamic Pro” ed “Enduro Pro”, attivabili inserendo la presa di codifica, offrono varie possibilità di personalizzare il carattere della moto. Ulteriori componenti della “Modalità di guida Pro” sono il nuovo sistema di assistenza in partenza Hill Start Control per facilitare la partenza in salita, ABS Pro per aumentare la sicurezza in frenata, anche in posizione inclinata, e la luce dinamica dei freni che migliora la visibilità della motocicletta per i veicoli che seguono quando frena. 


Regolazione elettronica delle sospensioni Dynamic ESA “Next Generation” con compensazione automatica dell’assetto


Grazie alla regolazione elettronica delle sospensioni BMW Motorrad Dynamic ESA “Next Generation” (Electronic Suspension Adjustment), disponibile come optional, sono state raggiunte delle dimensioni nuove a livello di sicurezza di guida, di performance e di comfort: infatti, l’ammortizzazione viene adattata automaticamente alle condizioni momentanee, in dipendenza dello stato e delle manovre di guida; inoltre, in tutti gli stati di carico ha luogo la compensazione automatica dell’assetto.

Ciclistica sportiva più rigida per gli entusiasti della guida fuoristrada come optional ex fabbrica con la R 1200 GS Rallye 


Grazie alla ciclistica sportiva selezionabile con la variante di equipaggiamento Rallye, offerta ex fabbrica, la nuova R 1200 GS è ulteriormente ottimizzabile per la guida impegnata fuoristrada. La maggiore rigidezza della molla, ammortizzatori più lunghi ed escursioni allungate aumentano nuovamente la performance off-road.


Nuovo linguaggio cromatico e formale in tre attraenti varianti

Nonostante che anche nella nuova edizione siano stati conservati l‘architettura e il design fondamentali della R 1200 GS, un’ergonomia ottimizzata nella zona delle ginocchia provvede ad aiutare il pilota nella guida fuoristrada, mentre contrasti cromatici più decisi, vernici nuove e le due varianti di equipaggiamenti Rallye ed Exclusive esaltano i talenti della nuova R 1200 GS. Una serie di dettagli sono stati modificati nel parafango anteriore e nel centro del coprimozzo della ruota anteriore; piccoli deflettori, cosiddetti winglets, perfezionano l’aerodinamica. Inoltre, sono state ridisegnate la mascherina del cornetto di aspirazione dell’aria e le coperture dei fianchetti del serbatoio. Il nuovo linguaggio formale si ritrova anche nei condotti dell’aria di raffreddamento e nei coperchi del radiatore, offerti con la superficie galvanizzata oppure in acciaio inossidabile (Rallye ed Exclusive).

La variante Rallye accentua il carattere fuoristrada della nuova R 1200 GS. In combinazione con la catena cinematica nera, il colore lupinblau metallizzato, le decorazioni nei colori BMW Motorsport verniciate sui fianchetti del serbatoio e il telaio in cordobablau, la nuova GS di serie risulta essere la più sportiva di tutti i tempi.

La presenza della R 1200 GS Exclusive viene sottolineata dalle coperture dei fianchetti del serbatoio in monolith metallizzato con decorazioni protette da una vernice trasparente, il paraspruzzi della ruota anteriore e il coperchio centrale del serbatoio in iced chocolate metallizzato, nonché il telaio verniciato in achatgrau metallizzato opaco. Un contrasto raffinato lo formano la catena cinematica nera e le pinze freno verniciate colore oro.


Sintesi degli highlight della nuova BMW R 1200 GS

  • Motore Boxer con catalizzatore nuovo e dati aggiornati alla norma Euro 4 e potenza immutata di 92 kW (125 CV) a 7 750 g/min.
  • Immagine nuova, esteticamente più robusta.
  • Linguaggio formale affilato e attraenti varianti cromatiche.
  • Ulteriori optional di ergonomia con altezze e varianti di sella supplementari.
  • Netto ampliamento della gamma di motorizzazioni, dalla variante di base alla nobile R 1200 GS Exclusive fino alla R 1200 GS Rallye, dedicata al guidatore off-road più impegnato.
  • Nuova variante R 1200 GS Rallye con ulteriore sostanza di prodotto: sella Rallye, parabrezza sportivo, protezione del radiatore e del telaio, larghe pedane enduro e cerchi a raggi incrociati, nonché l’optional ciclistica sportiva e l’optional pneumatici tassellati.
  • Funzioni innovative di Dynamic ESA dell’ultima generazione: modalità di ammortizzazione automatica e compensazione automatica dell’assetto assicurano una nuova esperienza di guida.
  • Modalità di guida Pro con DTC, Hill Start Control e le nuove modalità personalizzabili Dynamic Pro ed Enduro Pro come optional ex fabbrica.
  • Accessori nuovi come staffa paracilindri, topcase per due caschi ed elementi protettivi per la guida fuoristrada, per esempio la protezione del radiatore e del telaio.